lunedì 4 aprile 2016

Spatzle con funghi porcini e speck

spatzle con speck e poorcin


Profumo di montagna oggi con gli spätzle ai porcini e speck! Gli spätzle sono dei piccoli gnocchetti originari della Svevia e Baviera ,diffusi anche in Germania Meridionale, in Alsazia, Tirolo, Trentino Alto Adige, Fatti  semplicemente di farina ed acqua, in alcune varianti prevedono la presenza anche di latte  o birra. Sono nati come accompagnamento di carni ricche di intingolo e cacciagione, ma possono essere presentati- soprattutto in Italia- anche come primo piatto.  Ma non mi dilungo troppo su storia, tradizioni e curiosità:  Enrica Gouthier  del blog Il sole in cucina oggi ci racconta tutto degli spätzle nel suo articolo sul sito Aifb. Oggi infatti, nel Calendario  Italiano del Cibo, è la giornata in cui si festeggiano proprio loro. Questi gnocchetti mi sono sempre piaciuti e hanno accompagnato le mie vacanze estive fino da  piccola:  ogni estate con i mie genitori- come forse ricordate- sono sempre andata in Alto Adige e spessissimo li mangiavo. Devo ammettere che la mia versione preferita è quella in cui nell’impasto ci sono gli spinaci.

Normalmente, infatti in Alto Adige gli spätzle  “verdi “ sono proposti come primo piatto, generalmente conditi con panna e prosciutto, mentre quelli “ bianchi” sono offerti come contorno. Fino ad oggi avevo provato a preparare solo la versione con spinaci e anche nel blog ne potete trovare due versioni: una  con formaggio di capra e speck ed un’altra con formaggio ai fiori e mirtilli . Oggi ho provato a sperimentare la versione bianca ma rendendola un primo piatto. Per decidere come condirli ho pensato a cosa mi ricordano: Alto Adige e famiglia. Speck e porcini. Lo speck è immediatamente simbolo di questa fantastica regione, mentre i porcini erano una presenza costante nelle mie vacanze. Mio padre era un grande appassionato dell’andar per boschi in cerca di funghi, rigorosamente porcini con qualche concessione solo alle mazze di tamburo e ai finferli. Aveva i sui “ posticini” e quasi tutti i giorni, alla mattina, faceva un giro nel bosco per vedere se era nato qualcosa: spesso andavo anche io con lui e devo dire che ho allenato gli occhi non poco. A casa li cucinava la mamma, quasi sempre frifolati oppure alla griglia o panati. Un ricordo molto vivido è anche il terrazzo di casa con cassette su cassette di porcini messi ad essiccare. Alla sera li si ritirava per evitare che si inumidissero e la casa immediatamente si riempiva del loro inconfondibile profumo. Così , complice questo dolce ricordo, ho condito i mie spätzle con funghi porcini secchi.




Ingredienti per due persone


400 gr di farina
120 gr di acqua
3 uova intere
50 g speck
20 ml latte
40 g porcini secchi
1 spicchio di aglio
20 g burro
sale q.b.
pepe q.b.


Preparazione 


Versate la farina in una ciotola, fateci una conca e mettetevi al centro le uova, il sale e l’acqua ed amalgamate in modo tale da ottenere un impasto omogeneo e liscio. La consistenza della pastella deve essere tale da cadere a grosse gocce dal cucchiaio di legno: fate, quindi,  attenzione quando aggiungete l’acqua in quanto secondo il tipo di farina potrebbe volercene di più o di meno. Quando l’impasto è pronto, prendete l’apposita grattugia per spätzle, riempitela di impasto e deponetela  sopra una pentola di acqua salata in ebollizione e fate scendere il composto muovendo avanti ed indietro l’attrezzo. Gli spätzle sono pronti nel momento in cui salgono a galla.
Lavate i funghi secchi e metteteli ad ammorbidire per circa 30 min. in acqua e latte. In un pentolino mettete il burro, uno spicchio di aglio: una volta sciolto il burro, aggiungete i funghi, salate e pepate  e lasciate cuocere, unendo via via un poco dell’acqua e latte in cui li avete lasciati ammorbidire . A metà cottura togliete lo spicchio d’aglio.
In un pentolino antiaderente mettete le fettine di speck e lasciatele cuocere tanto quanto basta per renderle leggermente croccanti.
Una volta scolati, mettete gli spatole nel pentolino dei funghi e spadellateli  insieme per un minuto. Impattate e terminate con lo speck croccante.


spatzle con porcini e speck




20 commenti:

  1. Il tuo piatto è veramente invitante, lo proverò di sicuro.
    Ciao alla prossima
    Erica

    RispondiElimina
  2. Che fame...anche se son le due! Complimenti. Invitante e saporito!
    Grazie per il contributo!

    Enrica

    RispondiElimina
  3. Un piatto molto invitante oltre che appetitoso!

    RispondiElimina
  4. Che ricetta gustosa <3 con molti ingredienti saporiti e ben abbinati tra loro <3

    RispondiElimina
  5. questi sapori di terra sono i miei preferiti, ottimo abbianamento grazie dell'idea!

    RispondiElimina
  6. Un primo super appetitoso....ho lo speck in frigorifero...quasi quasi stasera lo preparo...

    RispondiElimina
  7. Adoro la pasta fatta a mano e questo procedimento è nuovo. Mi intriga!!

    RispondiElimina
  8. Io li adoro!! Non riesco a trovare l'attrezzo per farli ma non mi rassegno sai, sono troppo buoni

    RispondiElimina
  9. Li adoro! Il tuo piatto è davvero delizioso.

    RispondiElimina
  10. Primo piatto saporito e particolare l'accompagnato con speck e porcini e davvero divino !!

    RispondiElimina
  11. Che primo piatto fantastico.. complimenti o farò di sicuro.. brava

    RispondiElimina
  12. non ne avevo mai sentito parlare ..il tuo è uno di quei blog da seguire assolutamente! complimenti sono troppo invitanti!

    RispondiElimina
  13. questo piatto per me è una ricetta assolutamente nuova, non sono molto diffusi dalle mie parti..proverò la tua ricetta, perchè sono curiosa di assaggiarli!

    RispondiElimina
  14. impossibile resistere, troppo buoni :) saluti da Mela Cannella e Fantasia :)

    RispondiElimina
  15. che bei ricordiii!!! Gli spatzle mi ricordano il Trentino, ci vado spesso! Ho provato a farli in casa ma mi si disintegrano nell'acqua di cottura! Proverò la tua versione perchè fa davvero gola! ;)

    RispondiElimina

Printfriendly