lunedì 1 febbraio 2016

Zuppa di fagioli dall'occhio e cavolo nero

una zuppa semplice a base di fagioli dall'occhio e cavolo nero

Il mio incontro con il cavolo nero è recentissima, risale a solo un anno fa; ma è stato subito amore.


Mi ha incuriosito per l’aspetto delle sue foglie allungate, increspate, particolarmente consistenti: non appena le ho viste mi hanno fatto pensare ad un tessuto prezioso di quelli lavorati quasi a trapunta. Anche il loro colore, quel verde così scuro, quasi nero mi ha colpito: ho pensato “ questa verdura deve aver carattere”! Timidamente la prima volta l’ho provato in un condimento di pasta giusto per sondarne il gusto e ho confermato il mio pensiero: il cavolo nero ha carattere e che bel carattere!!! Come tutte le persone che piacciono l’ho voluto conoscere un po’ meglio: ora lo “racconto” anche  a voi.
Tra l'altro, nel  Calendario del Cibo Italiano targato Aifb, siamo proprio nella settimana in cui si festeggia il cavolo nelle sue infinite varietà, colori e sapori: la brava Tamara Giorgetti di "Un pezzo della mia Maremma" ci racconta tutto ma proprio tutto di questa splendida verdura.
Ma torniamo al nostro cavolo nero.  E’ una verdura stagionale: gennaio, febbraio e marzo sono i suoi mesi. Il cavolo nero oltre che bello da vedersi e buono- nel suo particolarissimo sapore- è una riserva di risorse benefiche: è  particolarmente ricco di sali minerali, quali calcio, ferro e potassio, oltre che di vitamine A,C, E e di acido folico con forti poteri anti infiammatori ed anche antitumorali.
La sua coltivazione è particolarmente presente nelle zone centrali dell’Italia ed in particolare in Toscana, dove trova nella ribollita la sua perfetta collocazione. E’ adattissimo come ingrediente, infatti, di zuppe e minestroni ma lo si può provare anche crudo, tagliato finissimo ed unito all'insalata.  Le coste sono particolarmente dure per cui è preferibile eliminarle prima della cottura: questo permetterà di godere al meglio delle proprietà nutrizionali e terapeutiche in quanto i tempi di cottura saranno ridotti: basteranno 15-20 minuti per cuocerlo alla perfezione.
E’ ora di metterlo in pentola! Io l’ho unito ad un altro ingrediente che mi piace tantissimo: i fagiolini dall'occhio. Ne vado ghiottissima soprattutto così semplicemente bolliti e poi fatti in insalata: Ma oggi insieme al cavolo daranno vita ad una zuppa che sa proprio di casa, di campagna, di genuino. 



Ingredienti per 4 persone

200 g fagioli dall’occhio
600 g cavolo nero
1 rametto di rosmarino
1 spicchio d’aglio
300 ml brodo vegetale
4 fette di pane rustico raffermo




Preparazione


I fagioli vanno messi in ammollo in acqua fredda  la sera prima, successivamente scolati e risciacquati. 
Scolateli e lessateli per circa 30 minuti. 
Lavate e mondate il cavolo nero, levate le coste particolarmente grosse e dure e tagliateli sottilmente. 
In una casseruola mettete un poco di olio, un rametto di rosmarino ed uno spicchio d’aglio, aggiungete i fagioli lessati e lasciate insaporire per alcuni  minuti. Aggiungete ora il cavolo, un terzo del brodo vegetale e lasciate cuocere. Aggiungete via via il restante brodo fino alla cottura del cavolo: ci vorrà circa 30 minuti. La zuppa, che risulterà non eccessivamente brodosa, sarà pronta per essere consumata bella fumante insieme ad una fetta di pane leggermente tostata.

Un suggerimento: se vi avanza zuppa o ne fate un poco di più, potete fare delle bruschette ottime. Frullate la zuppa tenendola un po’ asciutta, tostate le fette di pane, cospargetele con il  composto frullato  e terminate con una bella grattata di pecorino toscano. Una meraviglia!!!!



30 commenti:

  1. Laura ti ringrazio di aver contribuito con la tua ricetta alla settimana dei cavoli, verdure importanti per la nostra dieta, tanto da "curare" molte patologie, comunque a noi piacciono al di là di tutto, la tua ricetta è una gioia per i miei occhi e la mia gola toscana, hai usato due ingredienti a me molto cari e molto toscani, una delle zuppe che preferisco, grazie ancora

    RispondiElimina
  2. Adoro il cavolo nero anche sulla bruschetta e questa zuppa favoloso da provare. Buona serata (PS. Mi sono aggiunta e ....vedo che sono la centesima :D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Edvige per il commento e per essere il mio 100 preziosissimo!!!

      Elimina
  3. Anche io amo i fagioli all'occhio e anche in insalata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buoni in insalata: li mangiavo sempre da piccola, schiacciandoli nella fondina per recuperare bene l'olio :-)

      Elimina
  4. Ciao Laura, ho comprato il cavolo nero, domani sera cenerò con la tua squisita zuppa!! Un abbraccio dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, certo che mangiarla davanti al mare..... che fortunella che sei !!! Un abbraccio Lau

      Elimina
  5. Non conoscevo questa ricetta. Preparerò questa zuppa e farò sicuramente felice mio marito.

    RispondiElimina
  6. Con questo freddo una zuppa come questa ci sta tutta! Bella ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Col caldino passeremo alle zuppe fredde che son buonissime😀

      Elimina
  7. ricetta interessante dal punto di vista visivo e da quello nutritivo... bravissima

    RispondiElimina
  8. Nel Salento è molto difficile trovare il cavolo nero. Non immagini quanta curiosità io abbia di assaggiarlo e di cucinarlo. La tua ricetta è molto invitante e le foto le rendono perfettamente giustizia, se riesco finalmente a trovare il cavolo nero la preparerò per tutta la famiglia. Grazie cara, intanto copio i tuoi suggerimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei proprio con cosa puoi sostituirlo ... Forse con le coste ma il sapore non sarà lo stesso.

      Elimina
  9. Mi piace tanto la tua zuppa con il cavolo nero e fagioli aspetto appetitoso e ricco di sapore buonissima ricetta !!

    RispondiElimina
  10. Ottima zuppa! Grazie per la ricetta :)

    RispondiElimina
  11. Un piatto particolare, molto saporito e gustoso. Personalmente adoro il cavolo nero e trovo la tua ricetta deliziosa.

    RispondiElimina
  12. Una zuppa d'altri tempi. Di quelle che adorava fare la mia mamma! Deliziosa :))

    RispondiElimina
  13. E infine, tra tante golosità, le ricette che preferisco in assoluto sono queste! Il cavolo nero poi, il mio preferito!

    RispondiElimina
  14. Il cavolo nero ha tantissime proprietà ed è un vero peccato che qui nel salernitano non si trovi! Grazie per averla condivisa, spero di riuscire a prepararla!

    RispondiElimina
  15. Adoro le ricette sane e la tua è fra queste. ;)

    RispondiElimina
  16. Purtroppo il cavolo nero, nella mia zona, non l'ho mai visto ed è un vero peccato. ma presto mi metterò in moto ed appena lo riesco a trovare, proverò la tua ricetta :)

    RispondiElimina

Printfriendly