venerdì 15 gennaio 2016

Pasta con ricotta, salsiccia e noci


pasta alla ricotta luganega e noci


La canzone mononota… ve la ricordate? La cantava  Elio a Sanremo un po’ di anni fa.
Preparando questa pasta con salsiccia, ricotta e noci mi è venuta in mente e non smettevo di cantarla: perché vi state chiedendo?
Mai finora mi era capitato di cucinare un piatto così… monocolore!
Il piatto monocolore….
“La canzone mononota
Ha avuto i suoi antesignani
Uno su tutti: Rossini, Bob Dylan, Tintarella di Luna
E’ anche facile da fischiettare…
”Chissà se anche il piatto monocolore ha avuto i suoi antesignani?!
Monocolore e per di più sui toni del marrone e beige: colori che non amo! Ma è così che mi piace e così che deve essere! Uno sfizio però me lo sono tolto giusto alla fine, giusto per allegria… una nota stonata :-),  una nota rossa di paprica dolce, ma così appena accennata che  si vede e non si vede, che si sente e non si sente.
Mi son persa nel racconto, fra note e colori… e ancora non vi ho detto che siamo nella Giornata Nazionale della Salsiccia e che oggi è il 15 gennaio. Anche la data ha la sua importanza, non sia mai che leggiate questa ricetta il 5 di maggio e, pensiate  sia  la giornata della salsiccia e invece è la Giornata del… non ve lo svelo: lo scoprirete il 5 maggio!
La salsiccia… un mondo sconfinato in cui perdersi fra varianti regionali e tradizioni: ma a raccontarvi tutto questo c’è l'articolo di Raffaella Caucci sul sito Aifb.
Io vi racconterò, però qualcosa della luganega, il tipo di salsiccia che ho usato in questa ricetta.
La luganega è  una salsiccia tipica del nord Italia ed i cui natali sono contesi fra Veneto e Lombardia. L’origine del nome, però, viene solitamente collegato al termine -comune in epoca romana- lucanica, regione che comprendeva grosso modo l’attuale Basilicata, Campania e Calabria.Può essere, però, che non siano stati i romani a diffonderla  nel Nord Italia  ma i Longobardi che, occuparono anche la Lucania e fecero loro alcuni usi e costumi locali:  fra questi probabilmente conobbero ed apprezzarono questo insaccato che portarono con sé nelle varie migrazioni all'interno dei territori da loro occupati.
C’è chi opta invece per l’idea che siano stati i Galli a portarla in Italia, chi la vuole originaria di Lucca e chi ancora di Lugano…. Insomma tutti  ne vogliono la paternità, tutti la apprezzano… forse proprio perché è così buona?!
Veniamo al dunque: pasta con salsiccia, ricotta e noci. Un classico di casa mia: una delle paste più amate.





Ingredienti per 4 persone


320 g gemelli integrali
200 g luganega
200 g ricotta morbida
12 gherigli di noce
olio Evo q.b.
un pizzico di paprica dolce
sale q.b. per l'acqua della pasta




Preparazione


Come prima cosa private la salsiccia del suo budello. Ponete sul fuoco una padella antiaderente e, quando sarà leggermente calda ponetevi la salsiccia. Sgranatela delicatamente utilizzando una forchetta. Cuocetela in modo che si arrostisca bene: a me piace bella dorata, un po’ croccante . Non serve unire olio o burro in quanto la salsiccia rilascia naturalmente il grasso necessario. 
Nel frattempo mettete a cuocere la pasta in abbondante acqua salata. 
Procedete a preparare la ricotta: anche in questo caso è tutto moto semplice. Usate la ricotta a temperatura ambiente e, come vi ho indicato sceglietene  una qualità morbida ( es. piemontese), unite un filo d’olio e lavoratela lungamente finché non diventi ben cremosa. Se vi sembra che sia comunque poco morbida aggiungete due cucchiai di acqua di cottura. Non c’è bisogno di aggiungere sale.


Sgusciate le noci e tagliate grossolanamente. Cotta la pasta, mettetela in una ciotola ed unitevi la ricotta. 
La pasta è pronta per essere servita: una volta distribuita nei piatti, aggiungete la salsiccia, le noci e se, volete darle una piccola nota di colore, aggiungete un pizzico- ma proprio un pizzico di paprica dolce. 
A me piace così, con gli ingredienti che si sentono anche singolarmente: mi piace fare un boccone di pasta con solo ricotta, assaggiare poi la salsiccia, fare una forchettata di pasta con salsiccia e noce e poi  ancora sgranocchiarmi la noce da sola.  Quando gli ingredienti sono buoni e le ricette lo permettono preferisco  non "ammassare" gli ingredienti per poterne godere anche singolarmente di sapore, profumo e colore. Provate: lo trovo molto più gustoso e piacevole.
 Buona salsiccia e buona festa del cibo!









24 commenti:

  1. Un bel primo goloso, allo stesso tempo cremoso e croccante, che ben accompagna l'ingrediente "festeggiato" di oggi, la salsiccia! Ti ringrazio per aver partecipato con il tuo prezioso contributo! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il meraviglioso e completo articolo sul sito Aifb.

      Elimina
  2. Sarà pure monocolore ma che vuoi dire a sto piatto? Ottimi abbianmenti e poi lo sai con la salsiccia dimmi cosa non si mangerebbe!

    RispondiElimina
  3. Anche a me piace molto quando i sapori si sentono singolarmente...brava !

    RispondiElimina
  4. proprio indicato per queste giornate di freddo!

    RispondiElimina
  5. quanta appetitosita sapori unici e ricchi...bravissima !!

    RispondiElimina
  6. E' monocolore, ma sicuramente sarà un'esplosione di sapore! :D

    RispondiElimina
  7. Tantissimi complimenti per questo primo...deve essere davvero molto gustoso

    RispondiElimina
  8. complimenti, abbinamento interessante.. Ecco il pranzo per domani !

    RispondiElimina
  9. Adoro i primi piatti e questo sembra goduriosissimo!!!!

    RispondiElimina
  10. Buonissima :) saluti da Mela Cannella e Fantasia ;)

    RispondiElimina
  11. complimenti!! veramente una ricetta molto gustosa!! bellissime foto ;)

    RispondiElimina
  12. Un primo piatto assolutamente delizioso!

    RispondiElimina
  13. Un piatto facile gustoso e cremoso....fantastico!

    RispondiElimina
  14. bellissimo questo piatto... cremoso e scrocchiarello!!! Bravissima Laura, come sempre :*

    RispondiElimina

Printfriendly